Monitoraggio del Patto del Lavoro – Analisi del contesto economico regionale

Nell’ambito del monitoraggio semestrale del Patto del Lavoro, alla presenza dei relativi firmatari (Organizzazioni d’impresa, Sindacati, Università, Camere di commercio, Ufficio scolastico regionale, Terzo settore ed Enti locali), Ervet ha curato l’analisi sullo stato dell’economia e del mercato del lavoro dell’Emilia-Romagna Nel 2016 il Pil regionale è previsto in crescita  dell’1,4%, a livello di Francia…

La Filiera della Moda dell’Emilia-Romagna

Analisi del sistema produttivo regionale afferente alla filiera della Moda. Dettaglio dei dati sul commercio estero, sul mercato del lavoro, sull’andamento  di un campione di imprese. Analisi degli scenari in termini di  opportunità e criticità La filiera della Moda dell’Emilia-Romagna comprende un’ ampia gamma di produzioni che coprono l’intera filiera di prodotto, dal tessile e…

L’Export e il Mercato del Lavoro dell’Emilia-Romagna nei primi tre trimestri 2016

L’analisi dei dati ISTAT elaborata da ERVET propone un quadro sulla dinamica del commercio estero e dell’occupazione dell’Emilia-Romagna tra gennaio e settembre del 2016   Export Nei primi nove mesi del 2016 l’Emilia-Romagna ha esportato 41.671 milioni di euro di beni e servizi, in crescita dell’1,5% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno (+603milioni di…

Il Programma Regionale per la Montagna 2016 – 2018

Il Programma Regionale per la Montagna 2016-2018 (PRM) è stato presentato dalla Giunta regionale in occasione della XIII Conferenza Regionale per la Montagna. Con tre assi prioritari di intervento – imprese e lavoro, attrattività e coesione sociale, valorizzazione e sostenibilità del patrimonio locale – la Regione Emilia – Romagna si pone l’obiettivo di rafforzare i processi di crescita dell’Appennino regionale, integrando le risorse del Fondo Regionale per la Montagna con le risorse dedicate dei settori regionali e con quelle comunitarie.

La montagna digitale

La diffusione della banda ultra larga (BUL) a partire da 30Mb/s costituisce il nuovo obiettivo stabilito dalla Regione per rafforzare l’integrazione territoriale e l’attrattività della montagna regionale. L’obiettivo della copertura con banda larga minima di 2 Mb/s è stato raggiunto da qualche anno su tutto il territorio appenninico con il 100% della popolazione coperta.